Con gli occhi dell’assassino

Archiviato in: Horror, Thriller, Recensione — BigApple 27 Agosto 2011 @ 00:04

Regia: Guillem Morales
Cast: Belen Rueda, Lluís Homar,
Clara Segura, Julia Gutiérrez Caba
Spagna 2010

 

Due gemelle, entrambe affette da una malattia
degenerativa con perdita progressiva della
vista. Una delle due si suicida, l’altra
non riesce a credere che sia un gesto
volontario e inizia ad indagare.
Film al 100% ansiogeno, con un buon ritmo,
una sceneggiatura priva di sbavature e,
cosa che non guasta mai in film del genere,
intriga sin dalle prime battute.
Vi sono dei rallentamenti che non fanno
sembrare questo film fluido per tutta la
durata. Sarà la produzione europea, sarà
che è fortemente voluto dal regista per
accrescere nello spettatore un senso di
tensione ancora più alto nelle scene clou.
In definitiva un thriller bel congegnato,
laddove non servono americanate e ci si può
accontentare di un prodotto onesto e
artisticamente valido. Ottima la prova di
Belen Rueda.

The Ward - Il Reparto

Archiviato in: Horror, Thriller, Recensione — BigApple 6 Agosto 2011 @ 10:35

Regia: John Carpenter
Cast: Amber Heard, Danielle Panabaker,
Mika Boorem, Lyndsy Fonseca
Usa 2010

Un gruppo di ragazze in un ospedale
psichiatrico, senza via d’uscita.
Ambientato nel 1966 il nuovo film
di John Carpenter non delude le
attese.
La maestria con cui ha diretto la
pellicola è inconfondibile.
Un horror vecchio stile, senza chissà
quali strumenti a disposizione. La
semplicità della sceneggiatura non
diviene un blocco ma un aiuto per far
sì che la tensione sia alta per tutta
la durata del film.
Gli horror psicologici spesso possono
avere il difetto di peccare di
“presunzione”. Qui Carpenter ci mette
poche cose essenziali per rendere il
suo lavoro fluido ed efficace.
Le musiche ossessive, l’ambientazione
claustrofobica e le scene mai ripetitive
ed il gioco è fatto, quasi come se
volesse dimostrare a qualche giovane
regista come fare cinema senza chissà
quali proclami.
Ottimo.

Scream 4

Archiviato in: Azione, Horror, Thriller, Recensione — BigApple 30 Aprile 2011 @ 12:41

Regia: Wes Craven
Cast: Neve Campbell, David Arquette, Courteney Cox, Adam Brody, Emma Roberts, Hayden Panettiere, Kristen Bell, Rory Culkin
Usa 2011

La genialità di Wes Craven colpisce
ancora. E’ difficile firmare la
regia di un quarto capitolo e non
stancare..lui ci è riuscito.
Con molta ironia e momenti che fanno
sobbalzare dalla poltrona si arriva
dopo 111′ minuti di pellicola senza
alcuna stanchezza.
Non mancano gli omaggi a tutte le saghe
dei film horror, le bacchettate ai
film “inutilmente splatter” dalla
violenza gratuita, laddove l’enigma
non c’è più a differenza del primo
capitolo (Saw).
Sorprendente fino al finale, scene
d’azione mozzafiato. Non vi diciamo
di più (come da altre parti) perchè
in un film del genere sapere troppo
è, alquanto, disarmante.

THE WOLFMAN

Archiviato in: Fantastico, Horror, Recensione — Elisabetta Besutti 1 Agosto 2010 @ 22:20

Regia: Joe Johnston
Cast: Benicio Del Toro, Anthony Hopkins, Emily Blunt
Hugo Weaving, Art Malik
Usa, Gran Bretagna 2010

Un classico della cinematografia ritorna sul grande
schermo e stavolta è Benicio del Toro ad essere
investito del ruolo dell’Uomo Lupo.
Toni decisamente gotici con marcate venature horror
percorrono l’intera pellicola coinvolgendo lo spettatore
in ritmi concitati, ma che ben poco lasciano della complessità
della storia, qui costruita su una sceneggiatura esile.
Considerando che alle spalle ci sono ben 70 anni che
hanno visto molte variazioni sul tema, il regista non
riesce ad omaggiare debitamente l’affascinante quanto
terrorizzante mondo dei licantropi.
La sete di sangue e di vendetta intercalata dai classici
‘affari di famiglia’ mai sanati e sempre portatori di palpabili
tensioni si fondono per dar vita ad un film che per uno script
poco fluido non aggiunge molto al panorama cinematografico.
Tuttavia non manca un certo potere attrattivo, esercitato
dalla curatissima cupa ambientazione (in perfetta linea
col tema) e l’eccellente interpretazione di Del Toro
e del sempre accattivante Hopkins.
Piccola parentesi finale: convince più la trasformazione
che lo ’style’ del lupo in sè, di certo spaventoso,
ma un po’ goffo.

The Strangers

Archiviato in: Horror, Thriller, Recensione — BigApple 4 Gennaio 2009 @ 12:48

Regia: Bryan Bertino
Cast: Liv Tyler, Scott Speederman,
Glenn Howerton, Alex Fisher
Usa 2008

Prendete la sceneggiatura di Vacancy,
rubacchiate qui e lì qualche riferimento a Cane di paglia,
prendete spunti stucchevoli dall’altrettanto pessimo
Funny Games ed ecco che nasce The Strangers.
Il 90% della pellicola risulta noioso, non tanto
per i soliti ormai vecchi clichè, ma più che altro
per il modo in cui è girato. Il regista cerca di
mettere a fuoco solo ciò che è al centro
dell’inquadratura, sfumando tutto il resto,
e questo per tutto il film, a
nostro avviso, non può reggere.
Suspence, ne mette ben poca.
La sola Liv Tyler non può sostenere un film che
è sbagliato dall’ossatura.
Il protagonista maschile ha una presenza
scenica pari a del pulviscolo atmosferico
e tutto il film lo si passa a capire quanto,
invece, fosse ben fatto Vacancy.
Risparmiate i soldi del biglietto.

THE ORPHANAGE

Archiviato in: Drammatico, Horror, Recensione — Elisabetta Besutti 12 Novembre 2008 @ 13:50

Regia: Juan Antonio Bayona
Cast: Belèn Rueda, Fernando Cayo, Geraldine Chaplin
Montserrat Carulla, Mabel Rivera, Alejandro Campos
Messico, Spagna 2007

Prodotto da Guillermo Del Toro (il cui “marchio”
in quanto a horror ormai è più che una garanzia),
il film non brilla per la sceneggiatura,
che spesso emerge solo grazie all’eccezionale fotografia.
Gli elementi classici di genere (villa gotica,
presenze terrificanti, la psicologia tormentata della protagonista)
pur essendo stilisticamente di rilievo rischiano
più volte di perdersi in una trama delineata .
D’altro canto, parlare di Horror non è proprio corretto,
visto che il piano della narrazione si eleva
nella misura in cui si sposta di continuo
su un’analisi del vissuto interiore della protagonista.
(interpretata magistralmente da Belen Rueda, c’è da dirlo).
Il tentativo di avvicinarsi ad un capolavoro come
La spina del diavolo del maestro Del Toro comunque non riesce,
anche se regala un film mediamente godibile.

THE MIST

Archiviato in: Horror, Recensione — Elisabetta Besutti 18 Ottobre 2008 @ 14:39

Regia: Frank Darabont
Cast: Thomas Jane, Marcia Gay Harden, Andre Braugher,
Chris Owen, Laurie Holden, Toby Jones,
Jeffrey DeMunn, Alexa Davalos, David Jensen
USA 2007

Trasposizione sul grande schermo
del capolavoro “kinghiano” The Mist (La nebbia).
L’atmosfera iniziale da telefilm (la prima mezz’ora
lascia molto a desiderare) cede progressivamente
spazio ad una tensione palpabile, di cui i mostri
in perfetto Lovecraft-style (da quelli tentacolari agli
insettoni ibridi) sono solo funzionali ad una prospettiva
più ampia: il calarsi nella psicologia di un gruppo
occasionale che si trova improvvisamente in uno spazio
chiuso a fronteggiare le proprie paure.
Vediamo così la naturale solidarietà dei primi
momenti sgretolarsi in conflitti egoistici
dove la paura è sovrana incontrastata.
Un pizzico di deja-vu e sprazzi di b-movie ci sono,
ma il fatto che si respiri una sorta di orrore diffuso
e mai afferrabile e definibile,
ci fa gustare due ore di un horror più che discreto.

RIFLESSI DI PAURA

Archiviato in: Horror, Recensione — Elisabetta Besutti 12 Ottobre 2008 @ 13:21

Regia: Alexandre Aja
Cast: Kiefer Sutherland, Paula Patton, Amy Smart,
Mary Beth Pail, Cameron Boyce
USA 2008

Film horror dalla moderata venatura psicologica
che si rifà in buona parte al sud-coreano
Geoul sokeuro - Into the Mirror (2003, inedito in Italia).
Sutherland è il protagonista indiscusso per l’intera durata
e si muove a suo agio in scenari a lui ben noti
trasmettendo quella giusta dose di tensione
che però non trova riscontro in dialoghi spesso poco approfonditi.
Le continue visioni spettrali e le atmosfere cupe
che si fondono con presunti disturbi di personalità
sono in perfetta linea con l’horror tradizionale
che qui ha anche il buon supporto della classica
musica a forte impatto emotivo.
Se il film raggiunge dunque la sufficienza,
c’è da dire che il finale è da dieci e lode.
Un vero peccato visto il prologo non privo di spunti
suscettibili di sviluppi potenzialmente originali.

DENTI

Archiviato in: Commedia, Horror, Recensione — Elisabetta Besutti 24 Agosto 2008 @ 23:40

Regia: Mitchell Lichtenstein
Cast: jess Weixler, John Hensley, Josh Pais,
Hale Appleman, Lenny Von Dohlen
Usa 2008

Il classico film che lascia spiazzati,
ma anche incerti su che tipo di critica propendere.
Certo il tema scelto che lo ha candidato a Film Shock del 2008
non lascia indifferenti.
Trattasi del “Mito della vagina dentata“:
argomento dunque scottante per questa soft/dark-comedy
dove accanto a riflessioni mai banali (in primis sulla violenza sessuale)
lo spettatore si trova di fronte ad un miscuglio scarsamente districabile
di troppi elementi che non trovano tra loro facile armonia.
Si potrebbe dire che sia la protagonista
(la Jess Weixler portata alla ribalta dalla serie tv Law & Order)
la vera colonna portante del film,
con la sua interpretazione giostrata piuttosto abilmente
tra l’ingenuo perenne, il timore incombente
ed il cinismo indispensabilmente acquisito sul finale.
In conclusione, ci troviamo di fronte ad un film
che convince solo a tratti, peraltro esigui.

OMBRE DAL PASSATO

Archiviato in: Horror, Thriller, Recensione — Elisabetta Besutti 14 Agosto 2008 @ 22:35

Regia: Msayuki Ochiai
Cast: Joshua Jackson, Rachel Taylor,
Megumi Okina, John Hensley, David Denman
USA 2008

La moda del remake a tutti i costi finisce talvolta per stancare.
Questa è una di quelle volte.
L’originale, pellicola discreta, è datato 2004:
trattasi di SHUTTER.
Questa rivisitazione americana,
nonostante la buona interpretazione di Joshua Jackson
(l’osannato Pacey della serie tv Dawson’s Creek),
ha ben poco da dire e sottopone lo spettatore
ad uno svolgimento poco coinvolgente
e ai soliti balzi (peraltro prevedibilissimi) dalla poltrona.
Considerando che i film di genere ormai imperversano
troppo frequentemente nelle sale cinematografiche,
questa ennesima ghost-story con la componente “passato che ritorna”
avrebbe avuto bisogno di un piglio diverso.
Avrebbe giovato insomma una concreta verve horror,
quella che qui cede il posto al gusto del già visto.

- Next Page >>>